AIMA
   
Segreteria Nazionale • via Varazze 6 - 20149 Milano  
Tel. 02/89406254 • Fax 02/89404192  
Linea Verde Alzheimer: 800.679.679  
 


Gruppo Alzheimer Pronto Soccorso


anche AIMA
è social

FacebookFacebook
Instagram
YouTube


 

 

19 marzo 2021

Gentilissimo Ministro della Salute On. Roberto Speranza,
e p.c. Gentilissimo prof. Franco Locatelli,
e Gentilissimo prof. Silvio Brusaferro,

Le scriviamo per rappresentarLe un’importante questione di prevenzione alla luce dell’aggiornamento del Piano vaccinale avvenuto nei giorni scorsi.

Nello specifico, e in virtù delle tante richieste da parte di clinici, familiari e caregiver, siamo a sottoporre alla Sua attenzione quella che si ritiene una necessità, cioè l’inclusione delle persone affette da demenza tra le categorie fragili aventi diritto alla priorità per il vaccino COVID-19, indipendentemente dall’età anagrafica o dal grado di malattia.

Purtroppo, nell’elenco delle patologie afferenti alla categoria 1 dedicata all’elevata fragilità, non sono contemplate le demenze quando proprio le persone affette da queste gravi patologie sono facili target per il virus: secondo l’Istituto Superiore di Sanità, infatti, circa un terzo delle donne e quasi un quinto degli uomini morti per Covid-19 avevano una storia di demenza.

Occorre non fare l’errore di ritenere che le vaccinazioni degli over 80, dei ricoverati in Rsa, dei disabili gravi ai sensi della Legge 104/1992, esaurisca la platea ancora vastissima delle persone con demenza, di fatto escluse dalla priorità di vaccinazione, e per le quali quindi si richiede l’inserimento in tabella 1.

Aggiungiamo che le persone con demenza non sono in grado di tollerare l’uso di dispositivi di protezione individuale, né li comprendono; faticano a sopportare l’isolamento sociale, il cambio di abitudini, le mutate relazioni. Da qui la fatica centuplicata dei caregiver, il peggioramento generalizzato dei pazienti, l’aumentato pericolo di contagio e l’obbligo ad una prigionia stretta.

La vaccinazione è quindi una necessità per i pazienti e i loro caregiver, confortati in questo dalle parole pronunciate a Bergamo dal Premier Draghi: “Non accadrà più che le persone fragili non vengano adeguatamente assistite e protette.”

Sperando di incontrare il Suo interesse, rimaniamo a completa disposizione per approfondire le questioni sopraesposte.

Con i più cordiali saluti,

Amalia Bruni (Presidente SINDEM)
Gioacchino Tedeschi (Presidente SIN)
Francesco Landi (Presidente SIGG)
Ovidio Brignoli (VicePresidente SIMG)
Antonio Gaudioso (Segretario Generale Cittadinanzattiva)
Patrizia Spadin (Presidente AIMA – Associazione Italiana Malattia Alzheimer)

 

 



Dona con carta
di credito

CLICCA QUI


 

Campagna Nazionale

“Contro l’Indifferenza”

Una firma per i malati di Alzheimer
contro l’indifferenza delle istituzioni nazionali e locali

 
  >> FIRMA QUI <<  

 

Guarda sul nostro canale Youtube
i video della campagna per i 30 anni di AIMA.

 



Dona un aiuto all'unica linea telefonica GRATUITA nazionale
che da 20 anni sostiene le famiglie dei malati di Alzheimer.

Iscriviti come utente a helpfreely.org attraverso questo link

http://helpfree.ly/j30917


Vademecum Alzheimer

Leggi alcune pagine
Leggi cosa dicono i lettori

Vicino al cuore

Leggi cosa dicono i lettori

I volumi si possono acquistare rivolgendosi ad AIMA:
Vademecum Alzheimer euro 15,00
Più o meno qui, vicino al cuore euro 12,00
Vademecum + Racconti euro 25,00

Per riceverli contrassegno (prezzo del/dei volumi + euro 6,60 di spese postali): inviare una richiesta via mail o via fax (02 89404192) corredata di indirizzo.

Oppure si possono ricevere facendo un versamento (prezzo del/dei volumi + euro 4,00 di spese postali) sul c/c postale di AIMA (38749206) e mandando la copia del versamento via mail o via fax (02 89404192) corredata di indirizzo.

Linea Verde Alzheimer

A.I.M.A. ringrazia Enzo Lunari (www.enzolunari.it) per la concessione dei disegni e ringrazia Eritreo Cazzulati
per la puntuale e pregnante presenza alle iniziative di AIMA.
La loro ironia “leggera” accompagna generosamente e amichevolmente il nostro lavoro da tanti anni:
grazie!

Un grazie “speciale” va a Dario Colbacchini (www.dsee.it),
che fin dalla nascita di questo sito, ne ha curato la “veste”, l’aggiornamento, gli sviluppi e le modifiche e ne ha risolto i problemi.